A New York Amazon ha ottenuto un rarissimo privilegio: un eliporto privato


A New York Amazon ha ottenuto un rarissimo privilegio: un eliporto privato

 Afp


Gantry Plaza State Park al Queens, dove sorgerà uno dei due nuovi quartier generali di Amazon




Amazon, insieme ai 3 miliardi di dollari di finanziamento per costruire il suo quartier generale a New York, ha ottenuto e anche un raro privilegio: la possibilità di avere un eliporto privato. Lo rivela il Wall Street Journal, il quale ricorda che i posti per far atterrare un elicottero sui tetti di New York sono pochissimi, dopo l’incidente mortale di 40 anni fa, avvenuto propio in un eliporto sopraelevato. Per questo la domanda è molto alta e i passeggeri più ricchi sono pronti a pagare centinaia di dollari per aggirare le strade congestionate della città e utilizzare i servizi in elicottero.

“Non c’è sosta nei cieli”, spiega Rob Wiesenthal, fondatore e amministratore delegato di Blade. La sua compagnia noleggia degli affollati posti sui voli in elicottero che partono dai tre eliporti commerciali della città. Un viaggio da Manhattan all’Aeroporto Internazionale John F. Kennedy costa 295 dollari e per compiere il percorso impiega circa 10 minuti, contro oltre un’ora di tempo che ci vuole in auto, per percorrere lo stesso tragitto nel traffico. Per i servizi in elicottero di lusso le tariffe sono più salate.

La Associated Aircraft Group, una compagnia charter con base a New York, offre servizi multiproprietà per i suoi lussuosi e confortevoli aerei Sikorsky S-76, dotati di cabine da 8 posti rivestite in legno ed elegantemente tappezzate. Per simili servizi la tariffa è di 3.200 dollari per andare da Manhattan agli aeroporti di Mew York. La compagnia serve anche le rotte da Portland, nel Maine, a Washington.

Tuttavia l’uso commerciale degli eliporti a New York è severamente limitato da quando un elicottero, in cima all’edificio Pan Am, ora noto come l’edificio MetLife, si è stato rovesciato nel 1977, uccidendo cinque persone. Ottenere il permesso per avere un eliporto privato a New York non e’ stato facile per Amazon. I funzionari della municipalita’ di New York hanno inizialmente respinto le richieste della compagnia, prima di concedergli l’autorizzazione, a condizione che la società, come rivelano fonti vicine alla trattativa, limiti gli sbarchi a 120 all’anno.

L’eliporto di Amazon sorgerà in un campus sul lungomare che il colosso dell’e-commerce costruirà a Long Island City, nel Queens. Secondo gli esperti il volo di 200 miglia dall’altra nuova sede di Amazon a Crystal City, in Virginia, fino a Long Island City potrebbe essere in elicottero piu’ breve di un’ora e 20 minuti e potrebbe consentire ai suoi dirigenti di spostarsi senza i vincoli di orario a cui sono soggetti i passeggeri che devono servirsi degli eliporti pubblici. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin